Logo SnowFun Mottarone

Località

Il Righi Italiano

Il Mottarone (1491 m. s.l.m.) è davvero una montagna speciale, dolce nella fisionomia e maestosa nel posizionamento. Sebbene sia tra le cime meno alte della catena alpina, domina sopra un panorama a dir poco unico, da molte autorevoli voci indicato come pari, se non superiore in fascino, a quello della ben più alta vetta del Righi, la montagna svizzera resa famosa proprio dal suo straordinario scenario panoramico. Dalla sua vetta tondeggiante, quasi come fosse un balcone appositamente predisposto dalla natura, si può godere di un autentico spettacolo di rara suggestione che spazia a 360° dalla catena dell'Appennino Ligure e delle Alpi Marittime al massiccio del Monte Rosa (sembra di averlo vicinissimo ed alla medesima altezza!) ed alle imponenti cime elvetiche, passando attraverso la Pianura Padana ed il sensazionale comprensorio dei Sette Laghi (Orta, Maggiore, Mergozzo, Biandronno, Varese, Monate, Comabbio). Avvolta in una natura lussureggiante, habitat privilegiato per numerosi animali come cervi, poiane, scoiattoli, volpi, lepri ..., rappresenta una risorsa dagli innumerevoli interessi, da vivere tanto in inverno quanto in estate.

Qualche citazione autorevole...

"Descrivere estesamente la bellezza, la varietà e la ricchezza naturale e di apporto turistico delle pendici mottaroniane porterebbe ad una trattazione per cui qui non v'è posto; località per visioni panoramiche, per clima, per flora, per acque, naturalmente incantevoli" (Igino Ambrosini).
"Stresa è zeppa di aristocratici. C'è la Duchessa di Genova e la Regina Margherita, ... Ma il più aristocratico di tutti è il Mottarone per il suo panorama davvero grandioso" (Karl Tuber).
"Hosanna in excelsior! Eccoci sul Mottarone! S'io fossi il re del mondo, avrei tanta fede da trasportare questo quadro incantevole nei giardini della mia reggia!" (Valentino Carrera).
"O paradiso dall'onde uscito!" (Boniforti).
"Il panorama del Righi è severo, quello del Mottarone è pieno di sorrisi. A conti fatti sul Righi mi recherei una volta stanco della vita. Sul Mottarone vorrei passare la luna di miele" (Federico Balli).

Cenni storici

La tradizione sciistica del Mottarone risale alla prima metà del secolo scorso. Il 18 Gennaio 1935 fu disputata la prima gara internazionale di sci organizzata dallo Sci Bob Club del Mottarone. La gara non fu solamente un vanto della nostra località ma un passo importante per tutto lo sci nazionale: era la prima gara di slalom gigante in Italia, enfaticamente denominata (visti i tempi) "Coppa del Duce". Per l'occasione fu anche costruito un trampolino di salto, una vera rarità per allora.
Nel 1940 venne realizzata la prima "slittovia". Si trattava di un primo rudimentale impianto di risalita costituito da una slitta di legno, trainata da una fune d'acciaio, che percorreva un tracciato di circa 520 metri. Per tutti gli affezionati era "lo slittone".
Il 7 settembre 1911 venne inaugurata la ferrovia a cremagliera che collegava Stresa alla vetta del Mottarone. In un'ora e dieci minuti, come citano le cronache dell'epoca, il trenino arrivava alla stazione del Mottarone, fra l'entusiasmo generale. Per molti anni la ferrovia fu il mezzo più sfruttato per raggiungere la vetta fino a quando, nel 1963, venne definitivamente smantellata per lasciare il posto all'attuale funivia.
Da non dimenticare, poi, il meraviglioso Grand'Hotel, uno dei più reputati e gloriosi alberghi di montagna fino al 1943, anno in cui un incendio lo distrusse completamente.
Ma che emozione suscitano ancora certe immagini!

  

S4 srl - Via due Riviere 24c - 28011 Armeno NO - P.IVA CF e Num.Iscr.Reg.Imp di Novara: 01782530032 - N.REA: NO-196789 - Cap.Soc. 10.000€ I.V. - powered by gattei.com